Come si legge la busta paga?

La busta paga o prospetto paga

La busta paga è il documento che il datore di lavoro fornisce ad un proprio dipedente nel quale viene riportato l’importo (in netto) che esso percepisce come retribuzione per un determinato periodo lavorativo.come si legge la busta paga

Nella busta paga vengono indicati tutti i rapporti che un dipendente ha con il Datore di Lavoro, con le Imposte e con gli Enti Previdenziali (es. Inps).

Secondo la legge n.4 del 1953 il datore di lavoro è obbligato a consegnare ad i propri dipendenti la busta paga, che dall’agosto 2008 fa parte del Libro Unico del Lavoro, un documento che è andato a sostituire il vecchio libro paga, il libro matricola ed i registri equipollenti.

All’interno della busta paga devono essere necessariamente riportati:

  • INTESTAZIONE
  • VOCI DELLA RETRIBUZIONE
  • TRATTENUTE FISCALI, PREVIDENZIALI, DETRAZIONI e TFR

Intestazione

Nell’intestazione vengono inseriti tutti i dati riguardanti il datore di lavoro (anagrafica ditta, posizione INPS, posizione INAIL) e il dipendente (data di nascita, codice fiscale, matricola, data di assunzione).

Voci della retribuzione

La retribuzione è suddivisa in:

  •  retribuzione direttaretribuzione mensile costituita da costituita da voci fisse e variabili, dalle indennità e dagli elementi ad personam;
  • retribuzione indirettapercepita di norma una volta l’anno o in determinate occasione particolari: mensilità aggiuntive, ex festività, premio aziendale, premio individuale, premio anzianità, arretrati etc.
  • retribuzione differita : percepita come mensilità aggiuntiva nella tredicesima e quattordicesima mensilità in determinate scadenze annuali, o conseguentemente  alla fine di un rapporto di lavoro (TFR). Rientrano in questa parte di retribuzione anche il pagamento delle ferie residue, l’incentivo all’esodo etc.

Trattenute fiscali, trattenute previdenziali, detrazioni e TFR

Le trattenute fiscali o IRPEF (Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche) sono le tasse che il lavoratore deve versare allo Stato e sono trattenute dall’azienda in busta paga.

Le trattenute previdenziali sono dei versamenti obbligatori che il lavoratore versa generalmente all’INPS (per il settore privato) e all’INPDAP (per il settore pubblico) per ottenere successivamente una prestazione pensionistica.

Le detrazioni fiscali sono gli importi che il lavoratore ha diritto a sottrarre dall’imposta lorda per stabilire così l’imposta netta dovuta. Tra le detrazioni più comuni troviamo quelle relative ai redditi di lavoro e ai mutui, le detrazioni per carichi di famiglia e per figli a carico, detrazioni per il coniuge, ulteriori detrazioni per famiglie con quattro o più figli a carico.

Il TFR, o Trattamento di Fine Rapporto, o liquidazione, è sostanzialmente una porzione di retribuzione concessa al lavoratore dal datore di lavoro stesso nel momento della cessazione del rapporto di lavoro.

 

 

 

--ADS--
  • Curriculums Vitae Premium
¡Inauguriamo Shopcv.com!
Tale riduzione si applica solo a CV Cala e CV Prax
50% di sconto