I livelli di competenza linguistica

--ADS--

Livelli di competenza linguistici

I Livelli di competenza linguistica sono stati stabiliti dal Consiglio d’Europa per livellare le competenze linguistiche di chi studia una lingua straniera. Tramite un sistema descrittivo si stabiliscono dei gradi di competenza riconosciuti a livello internazionale.

Il Quadro comune europeo di riferimento per la conoscenza delle lingue (QCER), tradotto dall’inglese Common European Framework of Reference for Languages (CEFR), è appunto articolato in sei differenti livelli di conoscenza linguistica a loro volta raggruppati in tre fasce di competenza: Base (A), Atonomia (B), Padronanza (C).

Fasce di competenza linguistica

La fascia Base- A prevede:

  • Livello Base A1 (Breakthrough): il candidato ha una competenza minima della lingua  e riesce ad interagire con altre persone attraverso l’utilizzo di frasi semplici e topiche per la presentazione di se stesso ad un’altra persona.
  • Livello Elementare A2 (Waystage): il candidato riesce a stabilire una conversazione su argomenti vari, ma a livello ancora semplice utilizzando parole comuni e familiari.
La fascia Autonomia- B prevede:
  • livelli di competenza linguisticaLivello Pre-intermedio B1 (Threshold ): il candidato è in grado di tenere una conversazione su argomenti riguardanti il lavoro, la scuola, il tempo libero. È in grado di muoversi con disinvoltura nel Paese di lingua straniera avendo una buona padronanza della lingua ed in grado di elaborare un testo scritto in cui si parla di argomenti familiari e di interesse personale.
  • Livello Intermedio B2 (Vantage) : il candidato è in grado di comprendere testi più complessi in cui si trattano argomenti concreti e astratti, riesce ad instaurare una conversazione con i parlanti nativi senza particolari difficoltà di compresione per questi ultimi e sa produrre un testo abbastanza complesso su argomenti vari esprimendo il proprio punto di vista.
La fascia Padronanza- C prevede:
  • Livello Post-intermedio C1  (Effective Operational Proficiency): il candidato sa comprendere testi complessi arrivando anche al significato implicito, ha una buona padronanza della lingua in contesti scolastici, accademici e lavorativi e sa produrre testi di argomento vario dimostrando un’ottima padronanza del lessico e delle strutture grammaticali.
  • Livello Avanzato C2 (Mastery) : il candidato dimostra um’ottima padronanza della lingua sia orale che scritta, è in grado di riassumere e comprendere con disinvoltura conversazioni  molto complesse mostrandosi in grado di cogliere anche le più sottili sfumature.

Nella sezione del curriculum vitae dedicata alle competenze linguistiche, presente nella comune struttura del curriculum anticronologico, oltre alle lingue conosciute vanno riportati anche i livelli di competenza linguistica per rendere più chiara la tua conoscenza della lingua straniera, a maggior ragione se stai cercando lavoro in un paese straniero.

--ADS--