I mestieri del futuro. Mancano sarti e panettieri

calzolaio a lavoroUna volta i genitori mandavano i figli all'Università per assicurare loro un futuro migliore. Padri che facevano dei mestieri appresi con la pratica e che permettevano loro di vivere bene senza grandi sfarzi, speravano che i figli intraprendendo la carriera universitaria, si potessero assicurare una vita agiata.

Ma le cose sono cambiate: la crisi sta dimostrando che le lauree non garantiscono più un lavoro, purtroppo. Siamo ritornati ai mestieri. Alcuni di essi non conoscono crisi e il mercato del lavoro cerca alcune figure professionali ma non riesce a trovare persone che siano disposte a svolgere alcune mansioni.

Ecco quali sono i mestieri del futuro:

  • Sarto. Il settore della sartoria è uno dei più difficili per il reperimeno di personale. Basta pensare che di quasi  2000 sarti richiesti dalle aziende italiane il 22% resta vuoto.
  • Panettiere. Uno dei mestieri più antichi ha 1100 posti vacanti. Un deficiti del 40%.



  • Pasticcere e gelataio. Le aziende cercano 1750 professionisti in questo settore e vi è una carenza del 29%.
  • Installatore di infissi e ferramenta. Il numero dei posto vacanti è altissimo: l'83,3%.
  • Calzolaio. Tutti ne abbiamo bisogno ma il mestiere sta scomparendo nonostante ci sia una vasta richiesta.
  • Falegname, meccanico, fabbro, idraulico, estetista e parrucchiera. Tutti mestieri con futuro ma con mancanza di personale. Solo estetista e parrucchiere pare stiano ritornando di moda negli ultimi tempi.
  • Questa pagina ti è stata utile?
  • No
--ADS--
  • ;